Jobs app socialidarity, android

 
 
 
 
 
Be Mobile!
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 

   Login reminder    Register

IL CV NON VA A BUON FINE? ECCO I PUNTI DI FORZA DA CUI RIPARTIRE

Può succedere di ricevere una comunicazione di esito negativo riguardo un avvenuto colloquio e non per questo dobbiamo pensare a rivoluzionare il nostro comportamento o addirittura le nostre aspirazioni o tipologia di lavoro e settore.

1. Capire che cosa significa:
Se siete arrivati fino alla fine del processo di selezione, siete ovviamente ben qualificati per il ruolo in questione; significa anche che vi state muovendo nella direzione giusta e questo rifiuto non deve fermarvi.
Un rifiuto non significa che siete un candidato sbagliato, significa che un’altra persona era più in linea. Ma i fattori che per un’azienda determinano la scelta sono davvero tanti e spesso prendere una decisione tra i due o tre candidati finali è difficilissimo, ma pur sempre inevitabile.
Arrivare a questo punto significa che l’azienda ha maturato un punto di vista positivo nei vostri confronti e che la porta per future opportunità non è chiusa del tutto. Ora che il recruiter vi conosce potrebbe pensare a voi per altre posizioni, simili ma dove vi vede meglio inquadrati, tanto più che ciò gli farebbe anche risparmiare del tempo ed evitare di ricominciare da capo le selezioni.
L’azienda che comunica l’esito negativo di un colloquio con una lettera dà un segno di serietà e professionalità, nonché di attenzione e rispetto nei confronti delle persone e dei candidati. Se – nonostante le candidature e i curriculum che ricevono ogni giorno siano tanti, così come i colloqui da sostenere – hanno trovato il tempo per darvi questa comunicazione, significa che desiderano includervi tra i loro contatti.

2. Come comportarsi?

Se amate il ruolo e l’azienda per la quale vi siete candidati, un rifiuto non deve scoraggiarvi a riprovare. Un no oggi non sarà per forza un no domani, e nel frattempo, ora che avete appreso maggiori informazioni sull’impostazione dell’azienda e dell’area di vostro interesse, potete lavorare a migliorare e perfezionarvi nella direzione giusta.
Ora che avete una lista di contatti allargata, utilizzatela a vostro vantaggio. Lasciate passare del tempo, ma riproponetevi facendo sapere che desiderate prendere in considerazione altre posizioni analoghe ora o in futuro. Mostrarsi propositivi e sufficientemente sicuri di sé è un atteggiamento che lascia sempre il segno ed esistono delle cose che potete fare dopo un colloquio per non farvi scordare!
Riflettete sulle motivazioni del rifiuto. Una sola candidatura finita male non deve farvi cambiare idea rispetto alle vostre aspirazioni e al percorso professionale che avete individuato; ma se più volte vi è capitato di arrivare in fondo al processo di selezione senza successo, è forse arrivato il momento di ripensare al modo in cui vi presentate e vi comportate durante il colloquio, cominciando per esempio dalle cose che non dovrete mai dire e dalle domande che invece potrete porre al recruiter.

Se il problema principale è invece la mancanza di risposte e feed back alle candidature inviate è necessario rivedere la preparazione della candidatura stessa e agire sulle proprie motivazioni, e per questo un percorso di orientamento può essere molto utile e produttivo

fonte: http://www.blogcliclavoro.it


NEGLI USA SONO PRONTI A LAVORARE SINO ALL'ULTIMO GIORNO

NEGLI USA SONO PRONTI A LAVORARE SINO ALL'ULTIMO GIORNO

Molti milioni di americani hanno al momento una visione abbastanza fosca riguardo il loro pensionamento.Ecco alcuni dati

Innovazione, Sostenibilità, Soldi, Life Style

UN CITTADINO RESPONSABILE

Il Gruppo Abele propone un’occasione per acquisire gli strumenti di azione e partecipazione civile da mettere subito in pratica per diventare un cittadino responsabile e lotta

FESTIVAL DELLA DISABILITA' "MALATI DI CINEMA"

Si svolgerà dal 26 al 28 giugno a Rutigliano (BA),

CASA MUSEO SULLA DISABILITA'

Il 14 Giugno verrà inaugurata la Casa Museo dello sguardo sulla disabilità in via Alessandria a Roma.

NO PROFITe MODELLI CREATIVI ANTI-CRISI

Strategia, comunicazione e fundraising: questi i temi del convegno che si svolgerà a Milano il 12 giugno