Login reminder    Register

IL CV NON VA A BUON FINE? ECCO I PUNTI DI FORZA DA CUI RIPARTIRE

Può succedere di ricevere una comunicazione di esito negativo riguardo un avvenuto colloquio e non per questo dobbiamo pensare a rivoluzionare il nostro comportamento o addirittura le nostre aspirazioni o tipologia di lavoro e settore.

1. Capire che cosa significa:
Se siete arrivati fino alla fine del processo di selezione, siete ovviamente ben qualificati per il ruolo in questione; significa anche che vi state muovendo nella direzione giusta e questo rifiuto non deve fermarvi.
Un rifiuto non significa che siete un candidato sbagliato, significa che un’altra persona era più in linea. Ma i fattori che per un’azienda determinano la scelta sono davvero tanti e spesso prendere una decisione tra i due o tre candidati finali è difficilissimo, ma pur sempre inevitabile.
Arrivare a questo punto significa che l’azienda ha maturato un punto di vista positivo nei vostri confronti e che la porta per future opportunità non è chiusa del tutto. Ora che il recruiter vi conosce potrebbe pensare a voi per altre posizioni, simili ma dove vi vede meglio inquadrati, tanto più che ciò gli farebbe anche risparmiare del tempo ed evitare di ricominciare da capo le selezioni.
L’azienda che comunica l’esito negativo di un colloquio con una lettera dà un segno di serietà e professionalità, nonché di attenzione e rispetto nei confronti delle persone e dei candidati. Se – nonostante le candidature e i curriculum che ricevono ogni giorno siano tanti, così come i colloqui da sostenere – hanno trovato il tempo per darvi questa comunicazione, significa che desiderano includervi tra i loro contatti.

2. Come comportarsi?

Se amate il ruolo e l’azienda per la quale vi siete candidati, un rifiuto non deve scoraggiarvi a riprovare. Un no oggi non sarà per forza un no domani, e nel frattempo, ora che avete appreso maggiori informazioni sull’impostazione dell’azienda e dell’area di vostro interesse, potete lavorare a migliorare e perfezionarvi nella direzione giusta.
Ora che avete una lista di contatti allargata, utilizzatela a vostro vantaggio. Lasciate passare del tempo, ma riproponetevi facendo sapere che desiderate prendere in considerazione altre posizioni analoghe ora o in futuro. Mostrarsi propositivi e sufficientemente sicuri di sé è un atteggiamento che lascia sempre il segno ed esistono delle cose che potete fare dopo un colloquio per non farvi scordare!
Riflettete sulle motivazioni del rifiuto. Una sola candidatura finita male non deve farvi cambiare idea rispetto alle vostre aspirazioni e al percorso professionale che avete individuato; ma se più volte vi è capitato di arrivare in fondo al processo di selezione senza successo, è forse arrivato il momento di ripensare al modo in cui vi presentate e vi comportate durante il colloquio, cominciando per esempio dalle cose che non dovrete mai dire e dalle domande che invece potrete porre al recruiter.

Se il problema principale è invece la mancanza di risposte e feed back alle candidature inviate è necessario rivedere la preparazione della candidatura stessa e agire sulle proprie motivazioni, e per questo un percorso di orientamento può essere molto utile e produttivo

fonte: http://www.blogcliclavoro.it


TUTTI ASSIEME NELLA TUA STRADA

TUTTI ASSIEME NELLA TUA STRADA

L’obiettivo del Social Street è quello di socializzare con i vicini della propria strada di residenza al fine di instaurare un legame, condividere necessità, scambiarsi professionalità, conoscenze, portare avanti progetti collettivi

Ultime offerte di lavoro

PROGETTISTA BANDI CARIPLO

Fondazione Progetto Arca onlus che opera dal 1994 sul territorio milanese, promuove interventi residenziali, semi-residenziali e territoriali per rispondere a molteplici problematica sociali,

ADDETTO STAMPA ROMA

Il candidato, al quale è richiesto un impegno a tempo pieno presso la Sede nazionale LAV di Roma, dovrà monitorare la rassegna stampa, curare e sviluppare i rapporti con i mezzi d’informazione,

CAMPAIGNER MARE

Greenpeace Italia cerca una figura di Campaigner Mare che risponde al Responsabile della Campagna Mare, in grado di sviluppare e concretizzare le attività della campagna Mare in Italia in relazione alla priorità nazionali e internazionali di Greenpeace. 

Innovazione, Sostenibilità, Soldi, Life Style

COME CREARE UNA SOCIAL STREET

Il mondo può essere migliore partendo da molto vicino, in ordine di vicinanza possiamo perciò senz'altro partire da noi stessi, passando poi ai nostri cari e subito dopo a col

TUTTI ASSIEME NELLA TUA STRADA

L’obiettivo del Social Street è quello di socializzare con i vicini della propria strada di residenza al fine di instaurare un legame, condividere necessità, scambiarsi prof

UN PREMIO TURISMO SOSTENIBILE

 Il festival “IT.A.CÀ – Migranti e viaggiatori” e Bologna Welcome lanciano la prima edizione del Premio turismo sostenibile:

ALLA RICERCA DI INNOVAZIONE SOCIALE

Transition Milano. Partono le scouting session alla ricerca di esperienze di innovazione sociale

Volontariato

VOLONTARIO RISORSE UMANE A TORINO

Le risorse umane sono per il CCM un elemento determinante per il successo delle proprie azioni in Italia e nei Paesi.

VOLONTARI di PROTEZIONE CIVILE

Il volontariato di protezione civile è nato sotto la spinta delle grandi emergenze che hanno colpito l'Italia negli ultimi 50 anni:

COORDINATORI CAMPI DI VOLONTARIATO

SCI Italia organizza alcuni incontri di formazione per futuri coordinatori di campi di volontariato internazionale.

VOLONTARI NEI CAMPI PROFUGHI SAHARAWI

Organizzato dall'associazione YODA, il campo di volontariato mira a far conoscere da vicino la vita quotidiana del popolo Saharawi, esiliato da ormai 38 anni nel deserto dell’

Social Login:

Uno speciale colloquio di lavoro via skype - En