Jobs app socialidarity, android

 
 
 
 
 
Be Mobile!
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 

 

inserisci offerte lavoro

 

DA CHE PARTE STANNO LE ONG ITALIANE ?

Tony Capuozzo, giornalista italiano e vicedirettore del TG5, ha scritto un interessante articolo sulle ultime vicende di Emergency in Afghanistan, approfittando dell'occasione per fare qualche considerazione sul lavoro Ong italiane. L'interessante punto di domanda è: quale è la policy delle ong italiane? Una ong deve solo svolgere il suo lavoro di carattere prettamente umanitario, o schierarsi politicamente sia pure in favore di ideali quali pace e giustizia? Sono interssanti quesiti a cui corrispondono altrettante interessantissime considerazioni di Toni Capuozzo sull'operato di alcune delle più conosciute organizzazni non governative.
La domanda finale che sta sopra tutte le altre però è:
come è possibile valutare o giudicare un lavoro umanitario in base agli ideali politici che lo connotano più o meno manifestatamente?
Non è forse meglio guardare ai risultati veramente raggiunti e alla ricaduta dei progetti sulla gente del luogo?
Sicuramente si tratta di elementi più concreti per rapportarsi con il lavoro delle ong che è sempre bene tenerlo presente essendo organizzazioni a carattere privato hanno assoluto bisogno di sostenitori, donatori e pubblico consenso per svolgere bene il loro lavoro

Riportiamo qua alcuni passi salienti dell'articolo" Qualche domanda a Gino Strada sul suo ruolo di testimone scomodo”

 

L’organizzazione di Gino Strada è molto, molto italiana. Non esistono ong internazionali con la stessa vis polemica, la stessa caratterizzazione politica e ideologica, e per trovare uno spirito di partito simile bisogna scandagliare la piccola armata di organizzazioni confessionali e settarie, chiese del dodicesimo o trentesimo giorno, missioni dove la tazza di latte e il piatto di broda arrivano solo con il pegno dell’adesione.

Gino Strada ha insistito spesso, in questi giorni sul ruolo di “testimone” e per di più scomodo, della sua organizzazione in Afghanistan. Il tema della “testimonianza” è quello attorno a cui si consumò, alla fine degli anni Settanta, la rottura tra Bernard Kouchner e l’organizzazione che aveva fondato, Médecins Sans Frontières. Occasione della rottura fu una missione, fortemente voluta da Kouchner, in soccorso dei boat people vietnamiti, che venne ritenuta da altri, nell’organizzazione, un’operazione troppo, se non esclusivamente, mediatica.

Dalle polemiche venne la scissione, e nacque Médecins du Monde, che rimprovera a Msf, premio Nobel nel ’99, di separare eccessivamente l’aiuto umanitario e la denuncia politica. Com’è noto, Msf, il cui responsabile italiano, Carlo Urbani, morì nel 2003 dopo essersi impegnato nell’emergenza Sars in Vietnam, va ovunque, stringe le mani a chiunque, e si prefigge un solo scopo: aiutare chi ha bisogno. Legittimamente, Gino Strada la pensa altrimenti: che senso ha curare i feriti se non fermo la catena di montaggio della violenza che riempie i miei ospedali di feriti?

Legittimamente, questo ruolo di testimonianza comporta una certa scomodità. Nella quale non incorrono altre ong, diciamo più silenti. Non vi incorrono ad esempio le italiane Intersos, Cesvi, Aispo, né Coopi, che ha numerosi progetti proprio a Kandahar, e dunque in un’area tutt’altro che tranquilla.

C’è, però, il fatto che la “comodità” delle tante ong internazionali che operano in Afghanistan si rivela “scomodità” se guardata dall’altro lato della barricata: dal 1997 al 2003 in Afghanistan hanno perso la vita, violentemente, 36 operatori umanitari. E non per opera dei servizi segreti né degli organi di polizia del governo nato nel 2001 sulle ceneri del regime talebano.

C’è poi qualcosa da dire sulla “testimonianza”. Che ha un suo valore morale indiscutibile quando non è strabica, quando cioè non guarda in faccia nessuno, se non le vittime. Giustamente Emergency rivendica non solo il diritto ma anche il dovere di curare chiunque, ci mancherebbe altro. Ma per quanto riguarda la vocazione forte a essere testimoni, c’è qualcosa che non va.

C’è che Emergency era una delle poche, se non la sola, ong presenti a Kabul nel ’99 e nel 2000, in pieno regime talebano. Era una città da cui erano scappati persino il direttore del museo e quello dello zoo, in cui si nascondevano persino i fabbricanti di aquiloni e i cantanti, ed Emergency apriva il suo ospedale. Giusto, perché ce n’era bisogno. Ma la testimonianza? Non succedeva nulla che meritasse di essere testimoniato?

E' possibile leggere per intero l'articolo su http://sottoosservazione.wordpress.com/

Lavoro, Vita e Felicità - Secondo incontro

Lavoro, Vita e Felicità - Secondo incontro

TROVA IL LAVORO CHE C'E' IN TE - 14 e 15 febbraio 2015 - Alla ricerca del “tuo lavoro”, obiettivi e priorità Secondo seminario del percorso esperienziale di riorientamento nel lavoro e nella vita. ( Per iscriversi NON occorre avere partecipato al primo)

Offerte di lavoro sociale, umanitario, ambiente...

RESPONSABILE REGIONALE, Madagascar

Disponibilità: entro aprile 2015 Candidatire entro: 19/02/15 Ruolo: Responsabile Regionale Destinazione: Madagascar S

COORDINATORE PROGETTO, Burkina Faso

Disponibilità:entro 01/03/15 Candidature entro:31/01/15 Paese: Burkina Faso Progetto:“Partenariato per uno sviluppo sostenibile tra Ita

PROJECT MANAGER tanzania

POSITION: Project Manager COUNTRY: Tanzania PROJECT: “Investing in Maasai women

Offerte di lavoro varie

Lavorare in Svizzera: le migliori offerte del 2015.

In un periodo di forte crisi quale siamo ormai da tanti anni purtroppo, sono tanti i giovani che optano per un viaggio all’estero magari in

Allianz Assicurazioni: Lavoro per Amministrativi e Manager

Nel ramo delle assicurazioni il gruppo Allianz ricopre un ruolo di fondamentale importanzia sia in Italia che all’estero. Allianz, compagnia...

Si assumono Autisti ed Addetti alla gestione del servizio in Italia.

Opportunità di lavoro nel settore dei trasporti, offerta dalla società Autoguidovie che al momento ha aperto le selezioni per l’assunzione di

Innovazione, Sostenibilità, Soldi, Life Style

Il mio amico Mattarella, uomo da sempre vicino al volontariato

PALERMO - "Sergio Mattarella è la persona che p

Sergio Mattarella è il dodicesimo Presidente della Repubblica

ROMA - Sergio Mattarella, palermitano, è nato

Il sogno di una Chiesa davvero aperta alla disabilità

31 gennaio 2015dal blog Social Church Chiesa e p

Condividi sui social media

Lavoro, Vita e Felicita'