Login reminder    Register

DA CHE PARTE STANNO LE ONG ITALIANE ?

Tony Capuozzo, giornalista italiano e vicedirettore del TG5, ha scritto un interessante articolo sulle ultime vicende di Emergency in Afghanistan, approfittando dell'occasione per fare qualche considerazione sul lavoro Ong italiane. L'interessante punto di domanda è: quale è la policy delle ong italiane? Una ong deve solo svolgere il suo lavoro di carattere prettamente umanitario, o schierarsi politicamente sia pure in favore di ideali quali pace e giustizia? Sono interssanti quesiti a cui corrispondono altrettante interessantissime considerazioni di Toni Capuozzo sull'operato di alcune delle più conosciute organizzazni non governative.
La domanda finale che sta sopra tutte le altre però è:
come è possibile valutare o giudicare un lavoro umanitario in base agli ideali politici che lo connotano più o meno manifestatamente?
Non è forse meglio guardare ai risultati veramente raggiunti e alla ricaduta dei progetti sulla gente del luogo?
Sicuramente si tratta di elementi più concreti per rapportarsi con il lavoro delle ong che è sempre bene tenerlo presente essendo organizzazioni a carattere privato hanno assoluto bisogno di sostenitori, donatori e pubblico consenso per svolgere bene il loro lavoro

Riportiamo qua alcuni passi salienti dell'articolo" Qualche domanda a Gino Strada sul suo ruolo di testimone scomodo”

 

L’organizzazione di Gino Strada è molto, molto italiana. Non esistono ong internazionali con la stessa vis polemica, la stessa caratterizzazione politica e ideologica, e per trovare uno spirito di partito simile bisogna scandagliare la piccola armata di organizzazioni confessionali e settarie, chiese del dodicesimo o trentesimo giorno, missioni dove la tazza di latte e il piatto di broda arrivano solo con il pegno dell’adesione.

Gino Strada ha insistito spesso, in questi giorni sul ruolo di “testimone” e per di più scomodo, della sua organizzazione in Afghanistan. Il tema della “testimonianza” è quello attorno a cui si consumò, alla fine degli anni Settanta, la rottura tra Bernard Kouchner e l’organizzazione che aveva fondato, Médecins Sans Frontières. Occasione della rottura fu una missione, fortemente voluta da Kouchner, in soccorso dei boat people vietnamiti, che venne ritenuta da altri, nell’organizzazione, un’operazione troppo, se non esclusivamente, mediatica.

Dalle polemiche venne la scissione, e nacque Médecins du Monde, che rimprovera a Msf, premio Nobel nel ’99, di separare eccessivamente l’aiuto umanitario e la denuncia politica. Com’è noto, Msf, il cui responsabile italiano, Carlo Urbani, morì nel 2003 dopo essersi impegnato nell’emergenza Sars in Vietnam, va ovunque, stringe le mani a chiunque, e si prefigge un solo scopo: aiutare chi ha bisogno. Legittimamente, Gino Strada la pensa altrimenti: che senso ha curare i feriti se non fermo la catena di montaggio della violenza che riempie i miei ospedali di feriti?

Legittimamente, questo ruolo di testimonianza comporta una certa scomodità. Nella quale non incorrono altre ong, diciamo più silenti. Non vi incorrono ad esempio le italiane Intersos, Cesvi, Aispo, né Coopi, che ha numerosi progetti proprio a Kandahar, e dunque in un’area tutt’altro che tranquilla.

C’è, però, il fatto che la “comodità” delle tante ong internazionali che operano in Afghanistan si rivela “scomodità” se guardata dall’altro lato della barricata: dal 1997 al 2003 in Afghanistan hanno perso la vita, violentemente, 36 operatori umanitari. E non per opera dei servizi segreti né degli organi di polizia del governo nato nel 2001 sulle ceneri del regime talebano.

C’è poi qualcosa da dire sulla “testimonianza”. Che ha un suo valore morale indiscutibile quando non è strabica, quando cioè non guarda in faccia nessuno, se non le vittime. Giustamente Emergency rivendica non solo il diritto ma anche il dovere di curare chiunque, ci mancherebbe altro. Ma per quanto riguarda la vocazione forte a essere testimoni, c’è qualcosa che non va.

C’è che Emergency era una delle poche, se non la sola, ong presenti a Kabul nel ’99 e nel 2000, in pieno regime talebano. Era una città da cui erano scappati persino il direttore del museo e quello dello zoo, in cui si nascondevano persino i fabbricanti di aquiloni e i cantanti, ed Emergency apriva il suo ospedale. Giusto, perché ce n’era bisogno. Ma la testimonianza? Non succedeva nulla che meritasse di essere testimoniato?

E' possibile leggere per intero l'articolo su http://sottoosservazione.wordpress.com/

UN'APP PER LA TUA ONLUS

UN'APP PER LA TUA ONLUS

Un app personalizzata è ormai uno strumento molto importante le onlus, ong, fondazioni e tutte le organizzazioni del terzo settore. 

Ultime offerte di lavoro

CUSTODE STAGIONALE NELL'ORTICOLTURA

WWT Slimbridge Wetland Centre is looking for an enthusiastic individual to undertake horticultural maintenance within the grounds.

INTERNSHIP IN UK

WWF-UK is looking for an Intern who wishes to gain experience in political lobbying to join its busy public affairs team for three months.

SOCIAL MEDIA EDITOR ROMA

The United Nations World Food Programme (WFP) is  currently seeking qualified candidates for the consultancy post of Junior Web and Social Media Content

Innovazione, Sostenibilità, Soldi, Life Style

UN PREMIO TURISMO SOSTENIBILE

 Il festival “IT.A.CÀ – Migranti e viaggiatori” e Bologna Welcome lanciano la prima edizione del Premio turismo sostenibile:

ALLA RICERCA DI INNOVAZIONE SOCIALE

Transition Milano. Partono le scouting session alla ricerca di esperienze di innovazione sociale

ENTE DI FORMAZIONE CERCASI

L'entusiasmo, la competenza ed il successo ci accompagnano fortunatamente ogni giorno. Ora vogliamo raddoppiarli. Ecco come vogliamo fare:

STORIA DI UNA METAMORFOSI

Salve a tutti...... sono Quintilio e voglio raccontarti un pò di me. Ho iniziato a lavorare come dipendente di banca per poi passare a reti di vendita di prodotti finanziari

Volontariato

VOLONTARIO RISORSE UMANE A TORINO

Le risorse umane sono per il CCM un elemento determinante per il successo delle proprie azioni in Italia e nei Paesi.

VOLONTARI di PROTEZIONE CIVILE

Il volontariato di protezione civile è nato sotto la spinta delle grandi emergenze che hanno colpito l'Italia negli ultimi 50 anni:

COORDINATORI CAMPI DI VOLONTARIATO

SCI Italia organizza alcuni incontri di formazione per futuri coordinatori di campi di volontariato internazionale.

VOLONTARI NEI CAMPI PROFUGHI SAHARAWI

Organizzato dall'associazione YODA, il campo di volontariato mira a far conoscere da vicino la vita quotidiana del popolo Saharawi, esiliato da ormai 38 anni nel deserto dell’

Social Login: