Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la cookie policy.
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all’uso dei cookie.

Martedì, Settembre 01.2015
Socialidarity - cambia vita e lavoro info@socialidarity.it

Socialidarity è un job network per cambiare vita e lavoro.
Nuove economie e nuovi progetti per il tuo futuro. 

"Siamo pronti a promuovere un canale umanitario italiano verso la regione di Bengasi, dove i rapporti e le informazioni che cominciano ad arrivare con l'arrivo di giornalisti occidentali - l'avete visto anche sui giornali italiani - parlano di ospedali saturi, di necessità di sangue per le trasfusioni, di morti per le strade". Lo ha riferito in Aula al Senato il ministro degli Esteri Franco Frattini.

"Credo che l'appello che ci è stato rivolto dalla organizzazione medica delle comunità arabe stamattina debba essere raccolto - ha proseguito il titolare della Farnesina - abbiamo avuto il primo, importante via libera. La Federazione italiana dell'Ordine dei medici è pronta con medici volontari. Ci stiamo lavorando".

"Mi auguro che riusciremo in brevissimo tempo a organizzare, chiedendo eventualmente lo sgombero dell'aeroporto e della pista di Misurata (città libica sul golfo della Sirte, ndr), di attivare in tempi davvero rapidi quel canale umanitario italiano con la croce rossa, con i medici volontari, con i medici locali che potrebbe portare almeno in quella provincia che è stata così duramente e orribilmente colpita qualche aiuto medico di primissima necessità", ha concluso Frattini.
fonte: http://www.tmnews.it/web/home.shtml