operatore umanitarioLuca è uno operatore del mondo umanitario, la sua esperienza professionale nei progetti di sviluppo ed emergenza può essere molto utile a chi desidera lavorare in questo settore

Questa è la sua storia che spiega come si avvia questo tipo di carriera . Sono alcuni consigli molto utili a tutti coloro che vogliono iniziare a lavorare in questo settore o riconvertirsi partendo dalla loro attuale attività "Poco dopo il diploma, come molti, ho iniziato a fare qualche lavoretto sino a che fortunatamente non ho trovato un'assunzione a tempo  indeterminato. Con i primi stipendi ho realizzato i miei sogni giovanili, andare ad abitare da solo, la mia prima macchina, le ferie e le vacanze.

Non avevo neanche 30 anni e  mi sembrava di avere il mondo ai miei piedi, non rendendomi conto che invece non mettevo il naso fuori dal mio ambiente, peraltro piuttosto limitato. L'amicizia con qualche emigrato e un paio di viaggi hanno però scatenato in me una grande voglia di nuovi orizzonti.

 
Così ho cercato un'occasione che mi offrisse maggiori possibilità e l'ho trovata nell'esperienza di un mese relizzata con un campo estivo in Africa che ha fatto maturare in me la voglia di lavorare in ambito internazionale. E' stata una difficile scelta per me che non avevo conoscenza in questo campo. Mi sono dovuto fare consigliare da un operatore del settore perchè anche in questo settore è facile imbattersi in degli incompetenti, per non dire di peggio...

 

Con le conoscenze fatte nel corso del campo ho trovato poi la possibilità di partire per un periodo di 6 mesi di volontariato internazionale in Kenya. Proprio da questa esperienza è iniziata la  mia carriera come operatore umanitario. Mi sono infatti trattenuto 5 anni lavorando con tre ONG in West Africa e occupandomi di logistica. L'ultima di queste organizzazioni poi mi ha dato l'opportunità di frequentare un master a Londra in diritti umani e così mi sono preso una pausa per dedicarmi allo studio e all'aggiornamento professionale.
 
Un master riconosciuto a livello internazionale si ripaga subito, tant'è che che non ho fatto in tempo a terminarlo che avevo già trovato un contratto con una oganizazione inglese in Afghanistan per lavorare nei diritti umani, da dove sono rientrato da poco per prepararmi alla prossima missione di due anni Kazhakistan.
 
 
All'inizio da di questo tipo di lavoro è facile lasciarsi intimorire dalle molte domande senza risposta. Lavorando poi però ti rendi conto che molti altri stanno facendo questo lavoro che come ogni lavoro ha bisogno di pratca ed esperienza per prendere le adeguate precauzioni per evitare problemi. Ci sono paesi dove vanno risolti problemi di clima e di disagio logistico altri dove bisogna focalizzarsi sulla sicurezza personale ma sempre se lavoro con un organizzazione seria hai la netta percezione di far parte di un team in cui c'è qualcuno che fa un ottimo lavoro permettendoti di operare al meglio. Presto poi  ci si abitua a misurare le situazioni con un metro diverso e spesso anche più oggettivo e realistco.
 
Dopo oltre un decennio di esperienza professionale in questo settore mi sento perciò di consiglarlo a chiunque voglia aprire il ventaglio dei propri orizzonti lavorativi e di vita personale, inoltre si può anche considerar un settore dove si trova lavoro abbastanza facilmente, sempre che si facciano tutti i passi giusti. In sintesi non è molto quello che serve per iniziare e che si può riassumere in pochi punti:
  • Una formazione adeguata inclusa quella linguistica, da tenere sempre aggiornata con corsi di livello successivo
  • Un' ottima capacità di esplorare il web e costruirsi nei social network un'ottima immagine personale. Oggi questo tipo di lavoro si raggiunge principalmente con una strategia di comunicazione digitale
  • Un network personale da coltivare e accrescere facendo le scelte giuste e con pazienza, a questo proposto professionisti con esperienza sono una preziosa fonte di inormazioni e orientamento.
  • Molto impegno costante e desiderio di investire tempo e risorse per pianificare il proprio futuro
 
Si tratta infatti di un lavoro che molti ritengono essere il più bello del mondo,che si evolve ne tempo e che permette di crescere  verso ruoli più manageriali con funzioni di responsabilità ed inuffici sempre più centrali dando anche l'opportunità di farsi una famiglia. Infine una volta che lo deciderai puoi lavorare in una sede europea occupandoti di formazione, fundraisng o progettazione, opportunità che ti si aprono in seguito alla tua esperienza sul campo